Alassio Salute Centro Medico Specializzato ad Alassio

Aperto 7/7

Dalle 9 alle 19

tel 0182 648631
cell 346 1635400
fax 0182 640522

Dal mese di Agosto la struttura si arricchisce di un nuovo ortopedico: il Dott. Trada

Disturbo specifico del linguaggio

Se entro i tre anni il bambino non ha ancora iniziato a parlare è bene chiedere una consulenza in quanto potrebbe essere un semplice ritardo del linguaggio che se adeguatamente stimolato si risolve in pochi mesi. Ma se dopo i tre anni il bambino continua ad avere diverse difficoltà ad esprimersi si può trattare di un disturbo specifico del linguaggio.

Tali difficoltà possono essere:

  • fonetici: il bimbo non riesce ad articolare alcuni suoni oppure li articola male e occasionalmente
  • fonologici: riesce a pronunciare spontaneamente tutti i singoli suoni ma all’interno delle parole vengono cambiati di ordine oppure omessi (tole per sole; pese per pesce; tanco per stanco, otto per rotto)
  • preferenza sistemica di un suono (tello te ta tatale= quello che sta a cantare)

Inoltre sono presenti difficoltà a produrre frasi grammaticalmente corrette: spesso le frasi sono telegrafiche cioè un elenco di parole senza preposizioni e articoli.
Il bambino non riesce a reperire le parole e utilizza parole pass-partout (il coso, quella cosa) e ha difficoltà a raccontare un evento vissuto o una storia.

In alcuni casi anche la comprensione del linguaggio non coincide con l’età cronologica.

I problemi del linguaggio è bene che siano risolti prima di andare a scuola in quanto un disturbo non trattato può avere conseguenze sugli apprendimenti curricolari impedendo un corretto accesso alla letto-scrittura. Inoltre, il bambino consapevole delle proprie difficoltà rischia di non sentirsi uguale agli altri e tutto ciò gli causa sconforto e frustrazione e aggrava il suo stato emotivo.

Un trattamento precoce garantisce risultati migliori e tempi di presa in carico più brevi.

Edinet - Realizzazione Siti Internet